Dialogo

 Questo dialogo tra il Signore e l’anima occupa una pagina – intitolata “Comunione” – del Diario segreto della poetessa francese Marie Noël (1883-1967), una donna dall’intensa spiritualità. Essa si presenta a Cristo con le mani vuote, la bocca chiusa, il cuore triste, la mente sterile. È uno stato interiore che non è appannaggio solo di chi è infelice o è piombato nell’indifferenza religiosa e umana. No, anche grandi mistici come Teresa d’Avila sentirono affiorare nello spirito questa onda di nausea, di gelo, di cenere, che genera l’aridità dell’anima. In quel momento è facile sentirsi inutili per sé, per gli altri e per Dio e lasciarsi prendere dal gorgo dell’inerzia e della desolazione. Ma è a questo punto che scatta la replica di Dio. L’immagine dello straccivendolo che raccoglie i rifiuti e non bada persino alla sporcizia è forte ma evangelica. Sappiamo, infatti, che Cristo visse sistematicamente circondato da quelli che erano, allora e oggi, gli scarti della società perbene. Eppure non aveva nessuna esitazione nell’affermare che essi – sì, pubblicani, prostitute e peccatori – sarebbero stati i primi nel regno dei cieli, proprio perché consapevoli della loro miseria, liberi da ogni altezzosità, pronti ad afferrare la mano di quel Dio che salva ogni uomo o donna che in lui confida.

( Gianfranco Ravasi)

“Sono qui, mio Dio. Mi cercavi? Cosa volevi da me? Non ho nulla da darti. Dal nostro ultimo incontro, non ho messo da parte niente per Te. Niente…nemmeno una buona azione. Ero troppo stanca.

Niente, nemmeno una buona parola. Ero troppo triste. Niente, se non la fatica di credere in Te, gli acciacchi della vita, il disgusto di vivere, la noia, la sterilità.

Niente se non la fretta di ogni giorno, di veder finire la giornata senza servire a niente, il desiderio di riposo lontano dal dovere e dalle opere, il distacco dal bene da fare…. “

Risponde Gesù: “Dammeli.” Il torpore dell’anima ,la fatica di credere in me, i tuoi affetti, le gioie, i rimorsi, i turbamenti, gli spaventi, i dubbi, le ansie, i timori.. “Dammeli”.

” Signore, ma allora Tu, come uno straccivendolo, raccogli i rifiuti, le immondizie.

Che ne vuoi fare, Signore?”

” Il Regno dei Cieli”.

E’ consolante che quello che noi consideriamo scarti, rifiuti da eliminare dalla nostra vita , il Signore li trasforma in opere d’arte ed allora non resta altro che dirGLI come Maria :” Eccomi, avvenga per me quello che hai detto” Un saluto caro a tutti quelli che passano. Lucetta

Analogie

Interrompo il mio silenzio quaresimale per ringraziare Rita per questo post che ho apprezzato tanto. Ciao Rita e santa quaresima.

I Have A Dream

Tante sono le analogie tra ciò che sta succedendo in questi giorni e quello che Alessandro Manzoni descriveva in un capitolo dei Promessi Sposi: superficialità iniziale,  aumento impressionante dei contagi che vede la Lombardia al primo posto nella mappa della diffusione del Coronavirus, così come lo era stata per la peste, ricerca del cosiddetto paziente numero uno, “il portator di sventura”, come lo definiva lo scrittore, i supermercati presi d’assalto come era successo per i forni milanesi e poi … tanti provvedimenti, tante parole. E’ un periodo questo, in cui tutti siamo presi da un senso di smarrimento, in cui tante certezze sono crollate, un  periodo che, come era successo per il terremoto del 1980, ci sta segnando così tanto che, quando passerà, parleremo di un prima e di un dopo.  Tante sono le immagini, le storie, le informazioni che costantemente i mezzi di comunicazione ci mostrano; un’immagine in particolare…

View original post 283 altre parole