Il tempo della sosta

IL TEMPO DELLA SOSTA

di Fausto Corsetti

Il sole c’è sempre: basta aprire gli occhi. Girarci intorno e annusare il sapore della luce, quella che parla di ciò che è diverso da sé, che invita a dare un nome, il nome giusto a ciò che ci abita intorno e, al tempo stesso, definisce esattamente il nostro volto, i lineamenti che fanno di noi quell’unico e irripetibile mistero che siamo per gli altri, e per noi stessi.

Racconto inedito: questo è ciò che siamo. E così sono anche le pagine di vita che sfogliamo nello scorrere dei giorni. Pagine fatte di volti, storie, segreti, sogni e profondità.

Passare, andare, viaggiare, altro non è che cogliere e abitare, portare dentro e custodire, lasciare tempo. Così, le cose, gli sguardi, le mani, i passi ci vengono incontro e cominciano a parlare, a indicare, a stringere, ad accompagnare. Tutto può diventare nostro, quando tutto è lasciato al posto giusto.

Tutto ci appartiene, quando accettiamo che gli altri siano importanti, significativi, significanti per la nostra solitudine, per il nostro essere noi stessi.

Solitudine e convivialità sono le colonne della casa nuova che è possibile costruire quando si smette di aspettare che siano gli altri a cominciare.

Non è possibile star bene con gli altri, se non si è capaci di restare, di stare in silenzio e solitudine con sé stessi. Cosa è possibile spartire, se non si sa ciò che abita dentro di sé?

Dove tutti odono chiasso, a pochi riesce di udire voci e parole: la voce che parla. Non sono solo il silenzio e la solitudine, dunque, ad avere suono e messaggio. Ovunque è possibile sentire e condividere, vedere e spartire. Convivialità: parola antica, eppure in grado di provocare anche un oggi dove, troppo spesso, si vive soli e lontani, e di creare spazi e tempi di sosta e spartizione.

Ci vuole tempo, più tempo per entrare nella storia dell’altro, una storia che non è mai possibile possedere, ma solo condividere, un incontro che non si può comprendere, ma solo accogliere, una esperienza che non è possibile spiegare, ma solo condividere.

Può bastare anche un pezzo di pane, persino indurito: se messo insieme all’ultimo mezzo bicchiere di vino avanzato a un altro che nulla di più possiede, può diventare una cena, una festa, un incontro. E nessuna festa è possibile, se non vi sia almeno un pezzo di vita da spezzare e da spartire e un frammento di speranza da condividere.

Il tempo della sosta viene buono, ad ogni estate, per farci camminare su sentieri raramente calpestati, per abitare spazi e profondità troppo spesso solo sognate, per farci capire che riusciremo a vivere bene insieme, solo se sapremo star bene con noi stessi.

Annunci

Le lacrime, sacramento della sete

E’ la prima volta che considero le lacrime non come segno di debolezza ma di profonda sensibilità spirituale. Grazie Elettra.

hosete

larmes-dor-freyja2.pngLarmes d’or di Anne Marie Zilberman

L’altro giorno mi ritrovai in un caffè del centro a parlare con una ragazza. Nel raccontarmi qualche dettaglio della sua vita, cominciò a piangere. Mentre piangeva si scusava con me del fatto che non riusciva a trattenersi. Capii in quel momento quanto il gesto bello e profondo del piangere sia oggi reputato un tabu, un segno di debolezza che a tutti i costi bisogna proteggersi dall’esternare. C’è in quell’istinto di trattenersi non solo un bisogno di volersi mostrare agli altri meno deboli di ciò che si è, ma anche il tentativo di sollevare dall’imbarazzo l’interlocutore che assiste alla scena.

Eppure, le lacrime erano prerogativa dei grandi eroi omerici dell’Iliade e dell’Odissea: Achille, Odisseo, Ettore, Priamo, non si vergognavano di piangere. Anzi, essi sapevano di essere eroi nella misura in cui potevano sentirsi liberi di piangere, in quanto consideravano le lacrime un antidoto all’inerzia…

View original post 687 altre parole

Se uno mi ama….

In quel tempo, Gesù disse [ai suoi discepoli]:  “Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. ……..” (Giovanni 14, 23-29)

E’ un brano non facile, ma molto importante. E’ considerato il “testamento spirituale” di Gesù.
Contiene un messaggio molto originale su che cosa intende Gesù per “amare”, amare Dio, amare gli altri, amare se stessi.

«Se …uno mi ama…osserverà la mia parola …».

La proposta di Gesù è piuttosto strana. Capovolge completamente il nostro modo di pensare.
Noi di solito diciamo: quando è che amo Dio?Quando osservo i suoi comandamenti.
Da bambino mi avevano insegnato che se mi comportavo bene voleva dire che amavo Gesù e lui mi avrebbe premiato.
Se ci pensiamo bene, non è così. Infatti se vado in chiesa, non vuol dire che amo Dio. Posso farlo per interesse, per paura, per tradizione.

Che cosa dice invece Gesù?
Gesù dice: se amo Dio … osservo la sua Parola.
Non è un gioco di parole. Il centro non sono più io, non è più il mio dovere, ma Dio, ciò che per me è importante.
Gesù ci ricorda una regola di vita molto importante.
E’ quando faccio una cosa per amore che, anche se mi costa fatica, non la considero un sacrificio, ma la faccio volentieri, con gioia.
Se vado a messa perché devo, diventa solo una formalità, un rito.

Il vero motore della nostra vita non è la volontà, ma la passione.
Pensiamo ai sacrifici che fanno due innamorati.
Per loro non sono sacrifici, ma atti d’amore che fanno con entusiasmo perché li rendono felici.
Quando fai una cosa che ti piace, quando vai a camminare in montagna, fai fatica, devi fare dei sacrifici, ma li fai volentieri perché ti riempiono il cuore di piacere, di bellezza.
La seconda parte della frase di Gesù è ancora più sconvolgente, tocca più la fede che la ragione:
«…e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui».

Queste parole riassumono la millenaria storia della Bibbia che racconta lo smisurato amore di Dio per l’umanità. Un Dio che vuole piantare la sua tenda dentro il cuore di ogni donna e di ogni uomo di tutte le culture e di tutte le religioni.
Non sono io che vado a Dio, ma è Dio che viene dentro di me.
Se io amo. Dio viene ad abitare dentro di me.
Ogni creatura, ogni persona, quando ama, diventa un tabernacolo di Dio.

Questo è il miracolo.
L’amore è il segno visibile, il sacramento della presenza di Dio tra noi.
Quando amo profondamente una persona, questa mi cambia perché entra in simbiosi con tutta la mia vita.

Il Vangelo di Gesù ci dice che Dio non è un fantasma, non è un oggetto.
Dio è una persona da amare.
“Qualunque cosa farai al tuo fratello lo hai fatto a me!”
L’amore per Dio passa necessariamente attraverso l’amore per gli altri.
Credere è voce del verbo amare.
E’ l’amore l’essenza della nostra fede.
Lo aveva capito molto bene sant’Agostino quando diceva:
“Ama e fa quello che vuoi”

don Roberto don Gabriele parrocchia san Nicolò

 

Alzo gli occhi verso i monti

Evviva!!!!!! E’ consolante per me leggere questa tua riflessione. Sono stanca del pessimismo che mi circonda, di guardare SOLTANTO il male che ci circonda , di sentire dire che DIO ci ha abbandonati…. mentre ancora abbiamo la possibilità di gustare tanta bellezza intorno a noi. Grazie Elettra.

hosete

D41C179F-9273-4911-9983-A61709314D43.jpeg

Non capita tutti i giorni di aprire le imposte e trovare un panorama così: «questo è stato fatto dal Signore, una meraviglia ai nostri occhi». È un’alba così bella che sembra il primo giorno del mondo, davanti a questa luce che illumina anche il buio più profondo. ho scoperto che il Monte Rosa è rosa solo all’alba, tra le 6 e le 6:35; lo spettacolo dura pochi minuti, il «sole che sorge dall’alto» vi si specchia e la roccia si colora, al riflesso, della sua tragica veste meravigliosa. Poi il monte ritorna bianco di neve, lasciando al giorno libertà di procedere, ed al sole, il guizzo di solcare in cielo la sua traiettoria per arrivare puntuale a mezzogiorno. Mi si spalanca il cuore e la lingua si scioglie in una lode cosmica. Affiora abbondante, sulla superficie dei pensieri, la mia strana verità: sono solo un pezzettino di questo universo perfetto…

View original post 82 altre parole

La festa della vita

Auguro una santa Pasqua con questo scritto di Fausto che ringrazio molto e lo condivido con voi. Lucetta

 

LA FESTA DELLA VITA

di Fausto Corsetti

 

La Pasqua del Signore, il suo “passaggio” dalla morte alla vita, la festa della vittoria sulla morte che Gesù ha vissuto per aprire all’umanità intera questo orizzonte di amore più forte dell’odio, di luce più forte delle tenebre, di vita più forte della morte! Gesù è risuscitato da morte per essere il vivente per sempre: colui che è nato e vissuto in mezzo a noi, colui che è stato crocefisso e sepolto, è risorto! Noi, forse, non siamo ancora in grado di capire quanto la morte sia terribile: è la fine di ogni rapporto, di ogni affetto, di ogni possibilità di incontro.

La morte è questo, ma Pasqua ci dice che ormai la morte è stata distrutta da Gesù e che la Risurrezione di Gesù è garanzia della Risurrezione di ciascuno di noi che muore. Quelle energie di vita che il Signore aveva manifestato guarendo i malati, dando la vista ai ciechi, sfamando gli affamati, risuscitando i morti hanno riportato oggi la vittoria definitiva sulla morte che ormai non ha più potere sugli uomini, ma è soltanto il “passaggio” dalla vita terrena alla vita eterna, da questo mondo al Regno di Dio.

Questo è il canto del cristiano nel giorno di Pasqua, festa delle feste, perché Cristo è risorto quale primizia di tutti noi, perché la vita ormai si è affermata e in ogni creatura è iniziato un processo, ancora segreto ma già reale, di trasfigurazione. Celebrare la Pasqua, festeggiare questo giorno di gioia grande vuol dire allora impegnarsi anche a vivere giorno dopo giorno come discepoli del Risorto, a testimoniare con il proprio modo di pensare, di parlare e di agire che davanti all’umanità si è aperto un futuro più grande, una realtà di vita in cui il male, il dolore, il peccato e la morte non avranno mai più l’ultima parola, perché l’ultima parola sul mondo è la vita piena annunciata dal Signore risorto!

 

Immagine

Sabato santo

Madre del Sabato Santo
Che contempli tuo figlio nel sepolcro
Irraggiungibile nel mistero della sua morte.
Vorresti ancora prenderti cura di lui,
Vorresti amarlo, servirlo,
Vorresti lavare il sangue dalle sue ferite,
Consolare il suo amore tradito,
Custodire ancora le sue parole e il suo cuore.
Ma una pietra vi separa.
“Tu non puoi seguirmi adesso”, l’aveva detto anche a te
Ed è il tuo dolore più grande.
Avresti preferito mille volte morire con lui
A questa attesa impotente,
Avresti preferito morire che aspettare
Senza nemmeno sapere cosa aspetti
Tornerà? Tornerà alla vita questo tuo figlio?
E come sarà quando torna?
Sarà ancora lui? Sarà ancora tuo?
Non ti resta che una vaga promessa
A cui attaccarsi con tanta fede e nessuna speranza
Maria del Sabato Santo,
Maria della fede impotente,
Quando non rimane da fare altro che tacere e aspettare
Donami il tuo cuore
Donami il tuo coraggio
Donami la tua pazienza
Donami il tuo silenzio
Donami la tua attesa

don Fabio Bartoli

Donna, dove sono?

Gv. 8, 1-11
“Donna dove sono? Nessuno ti ha condannata?….

hosete

56800646_505382159996290_5797028736503119872_n (1)Donna, dove sono?

Quelli che sanno solo lapidare e seppellire di pietre? Quelli che sanno vedere il marcio solo fuori di sé, e non dentro di sé? Dove sono quelli che hanno abusato del tuo amore e delle tue tenere effusioni? Quelli che ti hanno mentito, tradito, quelli che ti hanno sminuita? Dove sono tutti quegli uomini che ti hanno corteggiata, baciata, guardata, desiderata e poi si sono improvvisamente dileguati e a te è rimasto solo il sale delle lacrime in bocca e l’amaro del dolore nel cuore? Quelli che ti hanno punito con il loro silenzio? Quelli che hanno giocato a dadi coi tuoi sogni e hanno tirato a sorte sulle tue speranze? Quelli che hanno scavato i tuoi vuoti invece di colmarli? Quelli che ti hanno fatto promesse da marinaio, barattando, al banco dei pegni, la tua dignità con i loro vezzi animaleschi? Quelli che ti hanno spaccato…

View original post 430 altre parole

Per le amiche ed amici di blog

Mi trovo da lungo tempo lontana da casa senza internet né alcuna possibilità di leggervi. Niente di grave solo mi trovo in un paese dell’Abruzzo vicino alle mie sorelle e sto sperimentando, insieme a mio marito, come si sta lontano da Roma e se in futuro venire qui definitivamente. Solo ieri ho potuto accedere alla posta ed ho trovato 293 messaggi. Vi chiedo scusa ma cancellerò tutto. Per me è veramente troppo. Non so quando avrò la possibilità di tornare a leggervi con regolarità per cui potete liberamente cancellare la mia iscrizione al vostro blog. Vi saluto tutti caramente specie le amiche e gli amici più affezionati. Non vi dimentico, nonostante il silenzio, e la preghiera è il filo che mi tiene legata a tutti voi. Lucetta

GUAI in vista se……

VANGELO della VI^ DOMENICA del Tempo Ordinario – Lc 6, 17.20-26
In quel tempo, Gesù, disceso con i Dodici, si fermò in un luogo pianeggiante. C’era gran folla di suoi discepoli e gran moltitudine di gente da tutta la Giudea, da Gerusalemme e dal litorale di Tiro e di Sidòne. Ed egli, alzàti gli occhi verso i suoi discepoli, diceva:
«Beati voi, poveri, perché vostro è il regno di Dio.
Beati voi, che ora avete fame, perché sarete saziati.
Beati voi, che ora piangete, perché riderete.
Beati voi, quando gli uomini vi odieranno e quando vi metteranno al bando e vi insulteranno e disprezzeranno il vostro nome come infame, a causa del Figlio dell’uomo. Rallegratevi in quel giorno ed esultate perché, ecco, la vostra ricompensa è grande nel cielo. Allo stesso modo infatti agivano i loro padri con i profeti.
Ma guai a voi, ricchi, perché avete già ricevuto la vostra consolazione.
Guai a voi, che ora siete sazi, perché avrete fame.
Guai a voi, che ora ridete, perché sarete nel dolore e piangerete.
Guai, quando tutti gli uomini diranno bene di voi. Allo stesso modo infatti agivano i loro padri con i falsi profeti».

COMMENTO di don GIGI PINI
Una volta ancora Gesù mi dice in che cosa consiste “prendere il largo” nella vita.
Eccola la strategia per riempire “le reti”.
“ Essere poveri, affamati, nel pianto, odiati ed insultati “… ma che cavolo di strategia è?
“ Essere ricchi, saziati, esaltati e famosi”… qui sì che si capisce già meglio: c’è più logica, è più condivisibile.
Il Cristo invece rovescia tutto. Tutto da rifare. Il problema, per Lui, è di prospettive.
Ci sta dicendo che non ci sarà nulla che potrà davvero riempire ‘una vita’ se non Lui.
Il resto, tutto il resto, ci mette in un sacco di guai.
La ragione sta nel fatto che solo Lui “ha dato la vita”, tutta, fino alla fine….e l’ha fatto per ridarci indietro la nostra vera identità di persone “create ad immagine e somiglianza” del Padre, quindi destinati all’eternità, al Sempre. Il resto, tutto il resto è sotto tiro dell’interesse di qualcuno e del loro guadagno o sotto tiro dello sfruttamento dei bisogni veri ed autentici di ciascuno di noi. E allora usciamo dagli equivoci: – i poveri saranno tutti quelli che sanno di non bastarsi, sanno di non avere le verità in tasca;
– gli affamati sono tutti quelli che cercano la verità, la giustizia, la pace e si danno da fare per costruirla;
– e quando dice ‘beati voi che ora piangete’….non sta parlando dei pessimisti o dei ‘delusi’ o di quelli che vedono tutto nero, ma sta parlando di quelli che vogliono stare dalla parte degli ultimi, degli sfruttati, dei violentati e lo fanno con scelte concrete di partecipazione;
– e quando parla di quelli che sono odiati ed insultati sta parlando di tutti quelli che non scendono a compromessi con le mode e le ‘bandiere vincenti’, sta parlando di tutti quelli che non si precipitano ‘in soccorso del vincitore’ di turno…ma sanno stare con dignità e rispetto dalla Sua parte, sempre;
– e i ricchi invece, e i saziati, ecc….sono tutti quelli che si bastano, quelli del “ contento io, contenti tutti”, quelli delle verità a buon mercato o delle mezze verità, quelli del giudizio facile su tutto e su tutti, ma sempre sugli altri però…
Ancora una volta l’ìnvito è di scegliere per uscire dagli equivoci.
Il Cristo non è ambiguo, non vuole fare il ‘simpatico’ o l’accomodante.
Il Cristo ci lascia liberi di scegliere… di scegliere però: una volta per tutte.
Sarà una “Buona Vita”…anche per noi. Un grande e forte abbraccio. Ciao